.


Benvenuti . . .

Patrizia
. . .il mio mondo e poi di tutto un po'

...Ti porto fortuna !!!

*°*°*





Natale è un appuntamento a cui non puoi mancare, perché è una danza di profumi delle tue stagioni di vita, nelle continue attese di incontrare la magia che scende come la neve a imbiancare i cuori, anche quelli più neri.
Buon Natale amica mia carissima, a te e a tutti i tuoi cari che sono ormai anche un po' miei.
Con tanto affetto .....

Marisa

Riccardo e Daniele ... Noi siamo piccoli ma cresceremo!

UNA SPOLVERATINA E UNA PENNELLATA DI COLORE AI RICORDI PIU' DOLCI E COCCOLOSI , PROPRIO . . . COME UN PITTORE !



Noi siamo piccoli...ma cresceremo from Patrizia Calvi on Slide.ly.

domenica 11 dicembre 2011

☆☆ Il mio Natale 2011☆Immagini, poesie, pensieri, emozioni . . .con un pizzico di nostalgia!


Regalo di Natale


Quest ’anno ti voglio regalare

un Natale come quelli di una volta,

con l' angelo che sulle ali porta

l' annuncio che sempre fa esultare!

Vorrei ci fosse anche un po’ di neve
ma leggera come zucchero filato

perché nel paesaggio imbiancato

il modo sembri candido e più lieve.
Poi gente comune, le pecore e il pastore

campane nella notte rintoccanti

e su di noi leggera come manti,

la musica che scioglie ogni dolore.

Infine per te, ecco . . . Una culla

dove poggiare il tuo ferito cuore

là sulla paglia vicino al Redentore

che ti sussurra “Non temere nulla” .

 
 - Emanuela Fimiani -

Sabato 18 dicembre 2011 - ore 0,30

 La mia favola di Natale preferita
 
Nonno, mi racconti una favola di Natale? - "Sè, ven chè ca ta cunti 'na zsempia" (Si, vieni qui che ti racconto una storia). Mio nonno Gregorio, o meglio nonno Gigio, era bravissimo a raccontare le favole. Le arricchiva di tanti particolari, alternava il dialetto all'italiano, ma era così bravo che riuscivo a dare un volto a tutti i personaggi che animavano le sue storie....soprattutto aveva pazienza da vendere, qualità molto rara allora come oggi!!!

Comunque, la  favola di Natale che mi piaceva ascoltare era quasi sempre questa. . . 
 
C'era una volta una bambina che tutti chiamavano Piccola Fiammiferaia perchè era così povera che per poter mangiare qualche cosa era costretta a vendere fiammiferi per le vie della sua città. Non aveva più la mamma e solo la nonna  le aveva voluto tanto bene finchè anche lei, purtroppo, era volata in cielo. Il papà era un uomo burbero, quando la piccola  tornava a casa senza aver guadagnato uno spicciolo si arrabbiava molto.
Era la vigilia di Natale,  faceva un gran freddo e per le strade c'era poca gente e nessuno si curava di lei. Era stanca e aveva le mani congelate; pensò così di scaldarsi coi fiammiferi che non era riuscita a vendere. . . Ne prese uno dalla tasca del grembiule e lo sfregò contro il muro. Una piccola fiamma si accese tanto che le sembrò di essere seduta vicino ad una stufa che la riscaldava un poco; presto però la fiamma si spense e la stufa scomparve. La bimba allora accese un secondo fiammifero e vide una tavola ben imbandita e sulla tavola un piatto con una grande oca arrosto...sentì il profumo ma il fiammifero si spense e tornò il buio.
Accese un terzo fiammifero e . . . 

Si trovò seduta sotto un bellissimo albero di Natale addobbato con tante candeline e luci colorate, ma anche questo si spense e la piccola fiammiferaia, sempre più infreddolita, piangendo, guardò in alto verso il cielo....

Vide una stella cadente che lasciò nel buio una scia luminosa e pensò alla sua cara nonna che era così buona e che non c'era più! Sfregò allora un quarto fiammifero... vide  una grande luce e le apparve la nonna che le sorrideva: "Nonna, portami con te,  prima che il fiammifero si spenga e che anche tu sparisca, come hanno fatto la stufa, l'oca arrosto e l'albero di Natale!" E perchè questo non succedesse, sfregò uno dopo l'altro tutti i fiammiferi rimasti. La vecchina allora prese in braccio la nipotina e tutte e due volarono in alto in alto, dove non c'era fame, freddo nè paura. Volarono così in alto che si trovarono tra le braccia di Dio e la piccola e la sua nonna si sentirono finalmente felice.

1 commento:

Marisa ha detto...

E' bellissimo il tuo blog Natalizio! La fiaba della piccola fiammiferaia era anche tra le mie preferite!
Buona domenica carissima amica !

Forrest Gump soundtrack

Per vedere i post precedenti, clicca sopra la scritta Post più vecchi

.

Che tempo farà a . . . .

.

La Top-Post dell'ultima settimana. Al 1° posto troviamo . . .

Questo è il mio Fornetto che evoca dolci ricordi della mi infanzia!

Questo è il mio Fornetto che evoca dolci ricordi della  mi infanzia!
(della Ditta Agnelli di Bergamo)

BLOG ...DA ACQUOLINA IN BOCCA!

aforismi


I miei aforismi preferiti

Non c'è speranza senza paura e paura senza speranza.
Vicino a chi soffre ci sia sempre un cuore che ama.
(Beato Giovanni Paolo II)

Avere un posto nel cuore di qualcuno significa non essere mai soli. (R. Battaglia)

Grazie ai sogni, si possono ritrovare oggetti smarriti,
persone lontane, guarire i mali dell'anima e del corpo
e vivere felici.
(R. Battaglia)

Chi pianta cortesia, raccoglie amicizia,
chi pianta gentilezza raccoglie amore.
(Anonimo)

Le piante e i fiori sono come i progetti: alcuni non si sviluppano, altri crescono quando meno ce lo aspettiamo.

(Romano Battaglia)

Le parole gentili sono brevi e facili da dire, ma il loro eco è eterno. (Madre Teresa)


I miracoli sono sull'uscio di casa...
Basta saperli accogliere come fiori sbocciati in un
deserto di sabbia. Sono fatti di amore, chiarezza e speranza.
(R. Battaglia)

I ricordi sono nastri colorati
da appendere al vento
e non statuine di cristallo
da tenere chiuse in uno scrigno.

(Terry Brooks)


Chi segue gli altri non arriva mai primo.
Libertà è scegliere.
(Pericle)

Bisogna essere pronti a contraddire gli altri senza ostinazione e lasciare, senza adirarsi, che gli altri ci contraddicano.
(Cicerone)

Chi mi ama mi segue, chi mi odia mi insegue.
(Josè Mourinho)

i love my family